Analisi Del Voto. 20.000 Volte GRAZIE

Stamattina mi sono svegliato con due sensazioni contrastanti.

La prima è l’amarezza per lo scarso risultato ottenuto dalla lista LIBERTÀ nel suo complesso.
Sapevamo che il 4% era quasi impossibile ma ci aspettavamo sicuramente molto di più.

La seconda sensazione è l’euforia e la gratitudine per il successo personale ottenuto sulle preferenze.

Risultato:

1) Primo in tutta la circoscrizione Centrale e a Roma, testa a testa con Rizzi (che però aveva il proprio cognome stampato sul simbolo elettorale e quindi con una visibilità enorme).

2) Primo nel territorio di Napoli.

3) Primo in tutta la Lombardia.

4) Primo a Milano.

5) Con la tripletta proposta con Sara Cunial e Ugo Rossi nel Nord-Est abbiamo battuto tutti gli altri candidati della lista. Anche quelli con grande visibilità mediatica.

6) Con la tripletta proposta con Marco Mori e Sara Cunial nel NORD-OVEST abbiamo battuto tutti gli altri candidati della lista.

7) Nella circoscrizione Centrale ho avuto un risultato incredibile se penso che non aveva un candidato in accoppiata con me e sono stato presente pochissimo sul territorio essendo candidato in tutte le altre circoscrizioni. Eppure da solo ho preso gli stessi voti di Francesco Toscano di DSP che invece viaggiava in accoppiata con Marco Rizzo che è stato molto presente sui media mainstream e che giocava in casa anche con il supporto elettorale di tutto il partito di Alemanno che di Roma è stato il sindaco.
Toscano gestisce anche un’importante web TV ed è leader del suo partito. Era presente solo nella circoscrizione centrale il che vuol dire che ha potuto dedicare a quella circoscrizione l’intera campagna elettorale.

Quando ho visto che avevamo preso lo stesso numero di voti, ho capito l’enorme lavoro che ho fatto in questi anni su certi territori ed il grande e incondizionato appoggio che mi avete dato.

Come provavo a spiegare a chi mi diceva che se avessimo superato il 4% avremmo favorito unicamente l’elezione dei candidati di Cateno De Luca, la realtà ha dimostrato che se avessimo superato la soglia di sbarramento, avremmo preso quasi tutti i seggi noi del fronte anti sistema al di fuori della Sicilia.

Sapevamo di non dover temere la concorrenza di nessuno. E così è stato. Con Sara Cunial , Marco Mori e Ugo Rossi siamo stati i primi ovunque ci siamo presentati ad accezione di alcune circoscrizioni del meridione.

E questo solo grazie alla credibilità acquisita negli anni.
E grazie alla fiducia e alla stima che da sempre mi dimostrate.

Abbiamo superato come numero di preferenze (spesso addirittura doppiato) personaggi come Cateno De Luca (che ha potuto contare su una potenza economica almeno 100 superiore alla nostra).
Che ha potuto contare sulla visibilità del proprio nome scritto sul simbolo elettorale come avvenuto per Enrico Rizzi.

Bisogna considerare poi che De Luca e Castelli hanno avuto una visibilità mediatica enorme rispetto a noi avendo potuto monopolizzare gli spazi televisivi che per par condicio spettavano alla lista Libertà.

Personalmente li ringrazio per avermi concesso i 7 minuti a Super Partes. Ma oltre quelli non sono riuscito ad avere un solo trafiletto di giornale né un solo passaggio in un talk show televisivo. Nulla di nulla.

Eppure ho preso in tutte le circoscrizioni il doppio dei voti, spesso il triplo di personaggi come il grande Capitano Ultimo a cui i media hanno dedicato fiumi di inchiostro e che ha avuto una esposizione mediatica enorme.

Tutto questo è potuto succedere solo grazie a voi. Al vostro sostegno. Che spero di essermi guadagnato con coerenza sul campo in tutti questi anni.

Un sostegno che onorerò ogni giorno senza deludervi mai.

Purtroppo la debacle del partito è stata in gran parte dovuta (anche ad errori di valutazione) ma soprattutto al fatto che il sistema è riuscito ad infiltrare o spesso soltanto a manipolare molti esponenti del mondo antisistema che con i loro appelli al non voto hanno fatto un danno inimmaginabile al popolo italiano.

Con il loro sostegno e senza la loro opposizione, oggi il parlamento europeo avrebbe avuto persone come me, Marco Mori, Sara Cunial o Ugo Rossi, che siamo arrivati ​​primi quasi ovunque. Invece abbiamo avuto da una parte quelli come Rizzo e Toscano che hanno voluto prendere da soli il loro zero virgola.

Mentre dall’altra i “guru’ del non voto hanno permesso al sistema di fare il pieno di seggi a mani basse ed ora utilizzeranno quelle posizioni in Europa contro di noi, senza testimoni oculari, senza nessuno che possa denunciare dall’interno.

Potete stare pur certi che nessuno si sentirà delegittimato dall’alto astensionismo né dal fatto che non si sia raggiunto il quorum del 50% degli aventi diritto al voto ed inizieranno ad operare indisturbati a differenza di quello che vi raccontavano quei farabutti che vi esortavano a non votare per far crollare il sistema. Quel sistema che non è mai stato così forte come dopo queste elezioni europee grazie al fatto che l’antisistema si è castrato da solo.

Per colpa di tanti cialtroni a cui si sono uniti “santoni”, come quelli che ci invitavano a non andare a votare così che il presidente della repubblica si sarebbe dimesso (Sic) o quelli che dicevano che con la bassa affluenza ci sarebbe stato il referendum sulla permanenza nell’euro (Sic).

Per non dimenticare chi ci assicurava che le elezioni europee non ci sarebbero state, così come gli aveva rivelato la sua fonte inglese (Sic). Il risultato di queste cialtronerie, a cui purtroppo ha creduto gran parte del mondo del dissenso, hanno permesso al Sistema di vincere tutti i seggi disponibili ed ha costretto noi a doverci difendere ogni giorno dal nulla ea schivare fuoco amico mentre provavamo a sbarrare la strada ai candidati di sistema per provare ad infiltrarci in quelle istituzioni che da domani inizieranno a decidere sulle nostre vite senza essere disturbati.

Non resta quindi che tirare le somme:

1) Bisogna fare una pulizia senza precedenti nel mondo antisistema. Tutti quelli che hanno remato contro di noi. Che hanno indotto gli altri a non votare, devono darci ora soluzioni concrete, alternative al voto, o devono sparire completamente dai nostri occhi e dai nostri radar.

2) Con Sara Cunial, Marco Mori, Ugo Rossi, Giampaolo Bocci (Noi Italiani, Vita, Sovranità, Insieme Liberi, Movimento per l’Italexit e anche Noi Agricoltori) dobbiamo continuare a lavorare insieme con la consapevolezza che in chiave elettorale bisognerà darsi una identità comune a cui iniziare a lavorare già da domani mattina.

3) Il dialogo con le altre forze politiche dell’area alternativa al sistema (tranne con chi ha fatto appello al non voto) dovrà necessariamente riprendere con la speranza che gli zero virgola ottenuti abbiano ridimensionato l’ego di qualcuno e posto un freno alla loro dannosa ed inconcludente autoreferenzialità.

4) Il dialogo con Cateno De Luca deve continuare perché si è dimostrato un compagno di viaggio onesto, leale, di parola e pronto a rimettere in discussione le sue posizioni. La sua importante percentuale di voti in Sicilia è determinante nell’ambito di un progetto nazionale e l’esenzione dalle firme per le elezioni politiche è nuovamente irrinunciabile.

Anche con lui andranno ovviamente rivisti i rapporti di forza alla luce dei risultati ottenuti nelle diverse circoscrizioni e andranno anche riviste le composizioni delle liste in occasione di future tornate elettorali riducendo drasticamente il numero di simboli presenti ea condizione che gli spazi mediatici concessi dal mainstream verranno suddivisi in parti uguali.

 

Esprimo ancora una volta tutta la mia riconoscenza a Cateno De Luca per l’occasione che ci ha concesso e per essere stato un compagno di viaggio leale e di parola.

Confermo che con Sara, Marco, Giuseppe, Ugo, Giampaolo e con gli agricoltori ci sentiamo già da tempo una grande famiglia.

Confermo la mia devozione totale a chi ha espresso un voto per me facendomi ottenere questo incredibile risultato personale.

Dalla prossima settimana torno in campo. Preparo l’organigramma dell’associazione NOI ITALIANI che porterò in tutta Italia con la stessa intensità di una campagna elettorale. Andrò ad inaugurare con voi i circoli nati sui territori che ho trascurato in questi mesi ed inizieremo i corsi di formazione (gratuiti) per i militanti.

Il consenso ricevuto mi ha convinto che non devo dipendere da nessuno.
Devo soltanto creare la mia squadra.
Aprire circoli direttamente sui territori.
Formare i militanti. Ed essere aperti alle giuste e strategiche alleanze in funzione elettorale.

Anche l’unione con i candidati antisistema che mi hanno affiancato a queste elezioni sarà un valore aggiunto e andrà strutturata con loro.

Ora ripartiamo da NOI.
Se ti fa piacere entrare in squadra.

Tesserati qui

Per assistenza scrivimi qui

Whatsapp 

 

Grazie a te. Grazie a NOI

20.000 volte GRAZIE

Francesco

Sostieni la libera informazione

Non ho editori per non subire censure.
Non ho sponsor per non subire pressioni.
Ma dietro questo Blog c'è un enorme e rischioso lavoro quotidiano.
Se lo ritieni opportuno sostienilo con una donazione.

dona ora
No Comments

Post A Comment