Attentato di Mosca: “Non è stato l’Isis”. M. Simonyan

“L’Ucraina e l’Occidente hanno fatto ricorso a operazioni di false flag per convincere tutti che dietro l’attacco terroristico al Crocus City Hall, nei pressi di Mosca, ci fosse l’ISIS”, ha dichiarato Margarita Simonyan, caporedattore del gruppo mediatico Rossiya Segodnya, che fa capo a Sputnik.

La direttrice del gruppo mediatico ha sottolineato che i nomi e i volti dei responsabili sono già noti alle autorità e che i terroristi hanno rivelato tutto durante gli interrogatori. “È apparso subito chiaro perché i media statunitensi hanno affermato all’unisono che si trattava dell’ISIS”, ha detto.

Simonyan ha spiegato che gli autori sono stati scelti per compiere l’attacco in modo da permettere all’Occidente di persuadere la comunità internazionale che dietro l’attacco c’è l’ISIS.

“Un gioco di prestigio di base. Il livello di un ditale ferroviario”, ha aggiunto. “Non ha nulla a che fare con l’ISIS. Sono gli ucraini”.

Ha aggiunto che l’entusiasmo mostrato dai media occidentali quando hanno cercato di persuadere tutti che l’ISIS era responsabile anche prima che venissero effettuati gli arresti li ha traditi completamente.

“Questo non è l’ISIS. Si tratta di una squadra ben coordinata di diverse altre sigle, anch’esse ampiamente conosciute”, ha concluso Simonyan.

La sparatoria è avvenuta venerdì sera nella sala concerti Crocus City Hall, alle porte di Mosca, ed è stata seguita da un incendio di vaste proporzioni che ha provocato almeno 143 vittime. Nelle ore successive all’attacco, i media occidentali hanno insistito sull’organizzazione jihadista radicale ISIS, mentre i funzionari ucraini hanno affermato di non avere nulla a che fare con la tragedia. Tuttavia, i sospetti sono stati arrestati nella regione russa di Bryansk, vicino al confine ucraino. Secondo i dati forniti dalle forze dell’ordine, avevano una base di appoggio dall’altra parte del confine. Inoltre, mentre Kiev si è affrettata a negare il proprio coinvolgimento nella sparatoria, i servizi segreti ucraini hanno un lungo curriculum di attacchi terroristici in territorio russo, dai bombardamenti nella regione di Belgorod agli assassinii della politologa Daria Dugina e del giornalista Vladlen Tatarsky.

 

Fonte: Sputnik

Tramite L’ANTIDIPLOMATICO

 

Perché il conflitto è NATO

 

Sostieni la libera informazione

Non ho editori per non subire censure.
Non ho sponsor per non subire pressioni.
Ma dietro questo Blog c'è un enorme e rischioso lavoro quotidiano.
Se lo ritieni opportuno sostienilo con una donazione.

dona ora
No Comments

Post A Comment