Covid uscito da Wuhan. Ora è ufficiale. La CIA ha pagato gli analisti per occultare tutto.

La Central Intelligence Agency (CIA) si è offerta di pagare 6 analisti per insabbiare le loro scoperte secondo cui il Covid-19 è con ogni probabilità fuoriuscito da un laboratorio a Wuhan, in Cina.

L’incredibile rivelazione è del New York Post ma è stata rilanciata dai media mondiali in quanto basata su dichiarazioni di un testimone protetto al Congresso degli Stati Uniti e su documenti che, stando alle fonti, comproverebbero nero su bianco le dichiarazioni e i pagamenti avvenuti.

Un ufficiale di alto livello della CIA ha dichiarato ai leader della commissione della Camera che l’agenzia avrebbe cercato di pagare sei analisti – che avevano scoperto che la Sars-CoV-2 probabilmente aveva avuto origine in un laboratorio di Wuhan – se avessero cambiato la loro versione, sostenendo che il virus era invece passato dagli animali agli esseri umani. A sostenerlo è una lettera inviata al direttore della CIA William Burns, che il NY Post ha ripreso per primo.

Si legge sul New York Post:

Il presidente della sottocommissione ristretta sulla pandemia di coronavirus Brad Wenstrup (R-Ohio) e il presidente del comitato permanente per l’intelligence Mike Turner (R-Ohio) hanno richiesto tutti i documenti, le comunicazioni e le informazioni sui pagamenti al COVID Discovery Team della CIA entro il 26 settembre.

“Secondo l’informatore, sei dei sette membri del team ritenevano che l’intelligence e la scienza fossero sufficienti per dare una valutazione di scarsa fiducia che COVID-19 provenisse da un laboratorio a Wuhan, in Cina”, hanno scritto i presidenti del panel della Camera.

Il direttore della CIA William Burns

“Il settimo membro del Team, che era anche il più anziano, è stato l’unico ufficiale a credere che COVID-19 abbia avuto origine attraverso la zoonosi”.

“L’informatore sostiene inoltre che per arrivare all’eventuale determinazione pubblica dell’incertezza, agli altri sei membri è stato dato un significativo incentivo monetario per cambiare la loro posizione”, hanno detto, osservando che gli analisti erano “ufficiali esperti con una significativa esperienza scientifica”.

Wenstrup e Turner hanno anche chiesto documenti e comunicazioni tra la CIA e altre agenzie federali, tra cui il Dipartimento di Stato, l’FBI, il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani e il Dipartimento dell’Energia.

L’FBI è stata la prima agenzia di intelligence degli Stati Uniti a concludere che la pandemia di COVID-19 molto probabilmente ha avuto origine da una fuga di laboratorio. A febbraio, il Dipartimento dell’Energia ha anche concluso che era probabile una fuga di laboratorio, sulla base di nuove informazioni.

La comunità di intelligence degli Stati Uniti ha declassificato un suo rapporto di 10 pagine sulle origini del COVID a giugno, in cui sono stati riscontrati “problemi di biosicurezza” e “ingegneria genetica” presso l’Istituto di virologia di Wuhan, ma la maggior parte delle sue “agenzie valuta che SARS-CoV-2 non è stato geneticamente modificato”.

 

Alla luce di quanto emerso sorge un inquietante interrogativo. Guarda il video:

Mi fa rabbia pensare che la versione che oggi è diventata ufficiale ed è stata ripresa da tutti i media mainstream è esattamente quella da me sostenuta nella mia inchiesta del 2020 dal titolo 31 Coincidenze sul Coronavirus e sulla nuova guerra fredda USA/CINA che mi ha causato la cancellazione dei miei canali social in quanto ritenuta “teoria del complotto”.

 

Francesco Amodeo

31 Coincidenze sul Coronavirus e sulla nuova Guerra Fredda Usa/Cina

 

 

Sostieni la libera informazione

Non ho editori per non subire censure.
Non ho sponsor per non subire pressioni.
Ma dietro questo Blog c'è un enorme e rischioso lavoro quotidiano.
Se lo ritieni opportuno sostienilo con una donazione.

dona ora
No Comments

Post A Comment