Ecco i 12 punti del piano di pace cinese che gli USA non accetteranno mai. E che a Zelensky non faranno neanche leggere.

Un piano di pace in 12 punti che mette al centro il dialogo e i negoziati come unica via d’uscita dalla crisi, è quanto pubblicato dal ministero degli Esteri cinese sul proprio sito, in occasione del primo anniversario dello scoppio della guerra in Ucraina. Il piano è stato reso noto al termine dell’importante e complessa missione diplomatica in Italia, Francia e Russia del capo della commissione Affari Esteri del Partito Comunista, Wang Yi.

Gli americani ne hanno preso subito le distanze. Non hanno interesse che la guerra finisca e ancor meno che finisca con la mediazione del proprio vero nemico storico: la Cina.

Zelensky in questa prima fase deve fingere, per forza di cose, una apertura. Non può mostrare al mondo che chiude la porta in faccia a chi si adopera per la pace, ma nello stesso tempo sa bene che non riceverà mai l’avallo statunitense ad una proposta dal titolo: “La posizione della Cina sulla soluzione politica della crisi ucraina”. 

Ecco i 12 punti. In grassetto ho evidenziato tutti i punti che USA e NATO hanno infranto fino ad oggi a discapito della Russia e quindi della sicurezza mondiale:

1. Rispettare la sovranità di tutti i paesi.

Il diritto internazionale universalmente riconosciuto, compresi gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite, deve essere rigorosamente osservato. La sovranità, l’indipendenza e l’integrità territoriale di tutti i paesi devono essere effettivamente sostenute. Tutti i paesi, grandi o piccoli, forti o deboli, ricchi o poveri, sono membri uguali della comunità internazionale. Tutte le parti dovrebbero sostenere congiuntamente le norme fondamentali che regolano le relazioni internazionali e difendere l’equità e la giustizia internazionali. Occorre promuovere un’applicazione equa e uniforme del diritto internazionale, mentre i due pesi e due misure devono essere respinti.

2. Abbandonare la mentalità della guerra fredda.

La sicurezza di un paese non dovrebbe essere perseguita a spese degli altri. La sicurezza di una regione non dovrebbe essere raggiunta rafforzando o espandendo blocchi militari. I legittimi interessi e preoccupazioni in materia di sicurezza di tutti i paesi devono essere presi sul serio e affrontati adeguatamente. Non esiste una soluzione semplice a un problema complesso. Tutte le parti dovrebbero, seguendo la visione di una sicurezza comune, globale, cooperativa e sostenibile e tenendo presente la pace e la stabilità a lungo termine del mondo, contribuire a forgiare un’architettura europea di sicurezza equilibrata, efficace e sostenibile. Tutte le parti dovrebbero opporsi al perseguimento della propria sicurezza a spese della sicurezza degli altri, prevenire lo scontro di blocco e lavorare insieme per la pace e la stabilità nel continente eurasiatico.

3. Cessazione delle ostilità.

Il conflitto e la guerra non giovano a nessuno. Tutte le parti devono rimanere razionali ed esercitare moderazione, evitare di soffiare sul fuoco e aggravare le tensioni e impedire che la crisi si deteriori ulteriormente o addirittura vada fuori controllo. Tutte le parti dovrebbero sostenere la Russia e l’Ucraina nel lavorare nella stessa direzione e riprendere il dialogo diretto il più rapidamente possibile, in modo da allentare gradualmente la situazione e, infine, raggiungere un cessate il fuoco globale.

4. Ripresa dei colloqui di pace.

Il dialogo e il negoziato sono l’unica soluzione praticabile alla crisi ucraina. Tutti gli sforzi che contribuiscono alla soluzione pacifica della crisi devono essere incoraggiati e sostenuti. La comunità internazionale dovrebbe mantenere il suo impegno nel giusto approccio per promuovere colloqui per la pace, aiutare le parti in conflitto ad aprire la porta a una soluzione politica il più presto possibile e creare condizioni e piattaforme per la ripresa dei negoziati. La Cina continuerà a svolgere un ruolo costruttivo in questo senso.

5. Risolvere la crisi umanitaria.

Tutte le misure che contribuiscono ad alleviare la crisi umanitaria devono essere incoraggiate e sostenute. Le operazioni umanitarie dovrebbero seguire i principi di neutralità e imparzialità e le questioni umanitarie non dovrebbero essere politicizzate. La sicurezza dei civili deve essere efficacemente protetta e devono essere istituiti corridoi umanitari per l’evacuazione dei civili dalle zone di conflitto. Sono necessari sforzi per aumentare l’assistenza umanitaria nelle aree pertinenti, migliorare le condizioni umanitarie e fornire un accesso umanitario rapido, sicuro e senza ostacoli, al fine di prevenire una crisi umanitaria su scala più ampia. L’ONU dovrebbe essere sostenuta nello svolgere un ruolo di coordinamento nel convogliare gli aiuti umanitari verso le zone di conflitto.

6. Proteggere i civili e i prigionieri di guerra (POW).

Le parti in conflitto dovrebbero rispettare rigorosamente il diritto internazionale umanitario, evitare di attaccare civili o strutture civili, proteggere donne, bambini e altre vittime del conflitto e rispettare i diritti fondamentali dei prigionieri di guerra. La Cina sostiene lo scambio di prigionieri di guerra tra Russia e Ucraina e invita tutte le parti a creare condizioni più favorevoli a questo scopo.

7. Mantenere sicure le centrali nucleari.

La Cina si oppone agli attacchi armati contro centrali nucleari o altri impianti nucleari pacifici e invita tutte le parti a rispettare il diritto internazionale, compresa la Convenzione sulla sicurezza nucleare (CNS) ed evitare risolutamente incidenti nucleari provocati dall’uomo. La Cina sostiene l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) nel svolgere un ruolo costruttivo nel promuovere la sicurezza degli impianti nucleari pacifici.

8. Ridurre i rischi strategici.

Le armi nucleari non devono essere usate e le guerre nucleari non devono essere combattute. La minaccia o l’uso di armi nucleari dovrebbe essere contrastato. La proliferazione nucleare deve essere prevenuta e la crisi nucleare evitata. La Cina si oppone alla ricerca, allo sviluppo e all’uso di armi chimiche e biologiche da parte di qualsiasi paese in qualsiasi circostanza.

9. Facilitare le esportazioni di cereali.

Tutte le parti devono attuare pienamente ed efficacemente e in modo equilibrato l’iniziativa sul grano del Mar Nero firmata da Russia, Turchia, Ucraina e Nazioni Unite, e sostenere le Nazioni Unite nello svolgere un ruolo importante al riguardo. L’iniziativa di cooperazione sulla sicurezza alimentare globale proposta dalla Cina fornisce una soluzione fattibile alla crisi alimentare globale.

10. Cessazione delle sanzioni unilaterali.

Le sanzioni unilaterali e la massima pressione non possono risolvere il problema; creano solo nuovi problemi. La Cina si oppone alle sanzioni unilaterali non autorizzate dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. I paesi interessati dovrebbero smettere di abusare di sanzioni unilaterali e “giurisdizione a braccio lungo” contro altri paesi, in modo da fare la loro parte nel ridurre la crisi ucraina e creare le condizioni per i paesi in via di sviluppo per far crescere le loro economie e migliorare la vita della loro gente.

11. Mantenere stabili le catene industriali e di approvvigionamento.

Tutte le parti dovrebbero mantenere seriamente l’attuale sistema economico mondiale e opporsi all’uso dell’economia mondiale come strumento o arma per scopi politici. Sono necessari sforzi congiunti per mitigare le ricadute della crisi e impedire che interrompa la cooperazione internazionale nei settori dell’energia, della finanza, del commercio alimentare e dei trasporti e comprometta la ripresa economica globale.

12. Promuovere la ricostruzione postbellica.

La comunità internazionale deve adottare misure per sostenere la ricostruzione postbellica nelle zone di conflitto. La Cina è pronta a fornire assistenza e svolgere un ruolo costruttivo in questo sforzo.

 

A giudicare dall’ingente numero di condizioni proposte, che ho dovuto evidenziare in grassetto in quanto in precedenza infrante dagli Stati Uniti e dalla NATO, pare ovvio che questo piano di pace proposto dai cinesi sia anche una chiara bacchettata (per usare un eufemismo) all’operato degli Stati Uniti e dei suoi alleati fino a questo momento.

Gli USA non lo accetteranno mai. Zelensky non potrà mai neppure discuterlo.

Fine di una storia triste.

 

Francesco Amodeo

Perché il conflitto è NATO

 

Sostieni la libera informazione

Non ho editori per non subire censure.
Non ho sponsor per non subire pressioni.
Ma dietro questo Blog c'è un enorme e rischioso lavoro quotidiano.
Se lo ritieni opportuno sostienilo con una donazione.

dona ora
2 Comments
  • rosario bianco
    Posted at 16:57h, 24 Febbraio Rispondi

    I cinesi in questo caso hanno solo fatto i “PARACULI” col culo degli’altri…

  • Mario Barcherini
    Posted at 06:49h, 01 Marzo Rispondi

    L’unica mia preoccupazione è che la Cina faccia il doppio gioco. In questo suo articolo Francesco Amodeo scrive: “Gli americani ne hanno preso subito le distanze. Non hanno interesse che la guerra finisca e ancor meno che finisca con la mediazione del proprio vero nemico storico: la Cina.” Anni fa Francesco Amodeo scrisse: “26 Mar Gli USA, la Cina e il reset mondiale. Cosa li lega alla pandemia? Perché non potevano farne a meno?” Sarebbe importante, per noi che seguiamo Francesco Amodeo, che lui ci spieghi questa che a me sembra una contraddizione ma che forse non lo è.

Post A Comment