Francesco Amodeo: doppio annuncio alla conferenza stampa di LIBERTÀ alla Camera dei Deputati.

Oggi sono qui nella sala stampa della Camera dei Deputati per annunciare la mia candidatura da giornalista indipendente all’interno della lista LIBERTÀ per le elezioni europee 2024.

Essere seduto qui mi suscita sentimenti contrastanti. Il primo è un grosso rammarico, per non essere riuscito a portare a questo tavolo il partito che per primo mi aveva offerto la candidatura e per il quale tanto mi sono speso in passato. Ho fatto veramente di tutto, mi sono messo tante persone contro, mio malgrado, ma non ci sono riuscito a causa di inaccettabili personalismi di alcuni che hanno ceduto a dannose e sterili logiche autoreferenziali.

Ma desidero che una cosa sia chiara: Chi oggi non è seduto da questa parte della trincea vuol dire che non sente l’urgenza e quindi rimanda al prossimo turno (tra 5 anni) la possibilità di incidere in Europa fingendo di non capire che il tempo è assolutamente scaduto.

L’altro sentimento che provo è un’enorme gioia per quello che sta nascendo, provo lo stimolo e l’adrenalina che provano i guerrieri sul campo di battaglia che più gli è congeniale. Nel mio caso l’arena delle elezioni europee.

Come giornalista d’inchiesta mi occupo di Europa da 15 anni da quando ho scritto il mio best seller che si intitola appunto la Matrix Europea.
Il primo di una lunga serie.

Ho dovuto però prendere atto del fatto che quando decidi di integrare il giornalismo d’inchiesta all’azione politica, devi necessariamente cambiare pelle. Non si tratta di trasformismo, ma di andare incontro alle esigenze di chi potrebbe darti il consenso di cui hai bisogno per incidere nel cambiamento.

 

Perché la politica è fatta di consenso. Non puoi pensare di fare breccia nel popolo trattando certi temi così come li tratti in un libro inchiesta per una nicchia di lettori.

Se oggi ho deciso di provare ad incidere, facendo appello al consenso popolare, devo necessariamente adattare la grammatica di quegli argomenti. Ed è lì che in passato mi venne l’idea di creare l’associazione di promozione sociale NOI ITALIANI che si prefiggeva di portare ad ogni categoria la propria personale battaglia.

Che cosa intendo? Intendo che quando incontravo gli agricoltori, non gli parlavo di uscita dall’euro, ma di uscita da quei trattati firmati dall’Unione europea che mettono in ginocchio il comparto dell’agricoltura. Dal Ceta al Mercosur, che fanno si che i prodotti genuini dei nostri Agricoltori restino nei magazzini, mentre veniamo invasi da prodotti esteri che sfuggono ad ogni controllo di qualità e sicurezza, per arrivare a costi inferiori sui nostri mercati. Al pescatore calabrese, non posso parlare di Mes ma delle direttive europee sulla pesca che non gli permettono più di competere col pesce importato da fuori.

Signori, così facendo, sto continuando a denunciare l’Unione europea ma sto rendendo quella battaglia e quei temi comprensibili a tutti.

Ed infatti dopo mesi passati nei presidi da nord a sud, NOI ITALIANI ha sviluppato una branca specifica: NOI AGRICOLTORI & PESCATORI il cui simbolo ed i cui candidati, scelti tra i principali esponenti delle proteste di questi mesi saranno presenti sulla scheda elettorale nella lista LIBERTÀ dove anche io potrò affiancarli.

 

 

Chi poteva aiutarmi a concretizzare le mie battaglie storiche meglio di chi ha circondato il parlamento europeo con i trattori? E chi lo ha fatto, oggi è nel direttivo di quel simbolo e tra i candidati. In futuro il mio lavoro continuerà federando i balneari a cui la UE vuole togliere i lidi, poi i proprietari di immobili a cui le direttive green stanno svalutando le abitazioni. Queste categorie in trincea si troveranno difronte il nemico comune: La Matrix Europea. Il Cartello Finanziario. Ed il cerchio si chiude. Le mie battaglie diventano finalmente le battaglie di intere categorie della popolazione italiana.

Prima di concludere voglio invitarvi ad una riflessione sul simbolo LIBERTÀ perché in pochi hanno capito la potenza dirompente di quel progetto. Tutti si fossilizzano sulla serie di cerchi e simboli che lo contraddistinguono. Guardando il dito che indica. In pochi scorgono la luna che si cela dietro.

Sapete cosa vuol dire rimettere la parola ITALEXIT su una scheda elettorale per le elezioni europee? Sapete cosa vuol dire associare ITALEXIT agli agricoltori e pescatori italiani i cui problemi non possono mai essere risolti restando all’interno dei vincoli europei?
Vuol dire creare una squadra capace di battersi dalle piazze alle istituzioni contro un nemico comune. Comune ad innumerevoli categorie. Il mio sogno di una vita.
Signori ancora una volta hanno tutti un nemico comune.

Anche perché la battaglia degli agricoltori diventa oggi la battaglia di tutti.

Se loro perdono quella battaglia il risultato di quella sconfitta si riversa sulle nostre tavole dove non troveremo più il pomodoro pachino ma quello cinese. Si riversa negli scaffali dei nostri supermercati dove non troveremo più il grano di Mauro o Giacomo che sono seduti qui affianco a me, ma quello al glifosato canadese. Non troveremo i prodotti genuini di Andrea, oggi coordinatore di NOI AGRICOLTORI e PESCA ma quella di paesi senza standard di qualità e di controllo. Nella mensa dei nostri figli a scuola probabilmente si mangerà farina di insetti o grano contaminato. Allora oggi siamo davvero tutti Agricoltori nella battaglia contro la UE

Concludo: nella fisica quantistica si parla del fenomeno della centesima scimmia. Che dimostra che quando più soggetti di una specie raggiungono un livello di consapevolezza che supera una certa soglia, avviene un balzo quantico. Ossia quella consapevolezza si propaga in maniera esponenziale e quella specie si evolve.

Oggi il progetto Libertà è la centesima scimmia che stavamo aspettando. Quella che permetterà a quello che veniva definito il mondo anti sistema di fare il balzo quantico.

Grazie a tutti.

Francesco Amodeo

 

Noi Agricoltori & Pescatori

Sostieni la libera informazione

Non ho editori per non subire censure.
Non ho sponsor per non subire pressioni.
Ma dietro questo Blog c'è un enorme e rischioso lavoro quotidiano.
Se lo ritieni opportuno sostienilo con una donazione.

dona ora
No Comments

Post A Comment