I migliori articoli selezionati per voi: I giovani del Sud Globale si riversano nella Russia “isolata”

Si parte dall’incomparabile ambientazione – il Parco della Scienza e dell’Arte delle Olimpiadi 2014, incastonato tra le montagne innevate e il Mar Nero – fino alle star dello spettacolo: oltre 20.000 giovani leader provenienti da più di 180 nazioni, russi e soprattutto asiatici, africani e latinoamericani, nonché dissidenti assortiti dal “giardino” occidentale ossessionato dalle sanzioni.

Tra loro ci sono decine di educatori, dottori di ricerca, attivisti del settore pubblico o della cultura, volontari della carità, atleti, giovani imprenditori, scienziati, cittadini giornalisti, nonché adolescenti dai 14 ai 17 anni, per la prima volta al centro di un programma speciale, “Insieme verso il futuro”. Sono queste le generazioni che costruiranno il nostro futuro comune.

Il Presidente Putin è ancora una volta molto acuto: ha sottolineato come esista una chiara distinzione tra i cittadini del mondo – compreso il Nord globale – e la plutocrazia occidentale intollerante ed estremamente aggressiva. La Russia, uno Stato-civiltà multinazionale e multiculturale, accoglie per principio tutti i cittadini del mondo.

Il Festival Mondiale della Gioventù 2024, che si svolge sette anni dopo l’ultimo, rinnova una tradizione che risale al Festival Mondiale della Gioventù e degli Studenti del 1957, quando l’URSS accolse tutti coloro che si trovavano su entrambi i lati della Cortina di ferro durante la Guerra fredda.

L’idea di una piattaforma aperta per giovani, impegnati e molto organizzati, attratti dai valori conservatori/familiari russi, permea l’intero festival – in netto contrasto con la “società aperta” artificiale, ossessionata dalla Cancel Culture, venduta incessantemente dalle solite fondazioni egemoniche.

Ogni giorno del festival è dedicato a un tema principale. Per esempio, il 2 marzo è stato dedicato alla “responsabilità per il destino del mondo”; il 3 marzo all'”unità e cooperazione tra le nazioni”; il 4 marzo a “un mondo di opportunità per tutti”.

Non meno di 300.000 giovani da tutto il mondo hanno fatto domanda per partecipare al festival. Ovviamente selezionarne poco più di 20.000 è stata un’impresa. Dopo il festival, 2.000 partecipanti stranieri si recheranno in 30 città russe per uno scambio culturale. Esattamente quello che il compagno Xi Jinping definisce “scambi tra i popoli”.

Non c’è da stupirsi che gli organizzatori del festival, Rosmolodezh, l’agenzia federale russa per gli affari giovanili, lo definiscano “il più grande evento giovanile del mondo”. La direttrice Ksenia Razuvaeva ha osservato: “Stiamo distruggendo il mito che la Russia sia isolata”.

 

Le insidie del “multipolarismo asincrono”

 

Il festival è incentrato sulla creazione di reti tra gruppi giovanili, legami interculturali e commerciali che vanno dal livello di comunità sostenibile a quello geopolitico più ampio.

Ho avuto l’enorme onore e la responsabilità di rivolgermi a un pubblico veramente multi-globale del Sud presso il padiglione dell’oblast di Belgorod, invitato dalla Fondazione Russia Conoscenza, insieme a un consulente di Hyderabad, in India.

La sessione di domande e risposte è stata formidabile: domande molto acute dall’Iran alla Serbia, dal Brasile all’India, dalla Palestina al Donbass. Un vero microcosmo del multiculturale Giovane Sud Globale, desideroso di sapere tutto sull’attuale Grande Gioco geopolitico e su come i governi nazionali possano facilitare la cooperazione culturale e scientifica internazionale tra i giovani.

Il Valdai Club organizza un programma giornaliero particolarmente interessante durante il forum, Il mondo nel 2040.

Il workshop di domenica, ad esempio, si è concentrato su “Il futuro di un mondo multipolare”, tenuto dall’eccellente Andrey Sushentsov, preside della Scuola di Relazioni Internazionali del MGIMO, probabilmente la migliore scuola di relazioni internazionali del pianeta.

La discussione sulla “multipolarità asincrona” è stata particolarmente utile per il pubblico (una solida presenza cinese, per lo più dottori di ricerca), e ha suscitato domande molto acute da parte di ricercatori provenienti da Serbia, Ossezia del Sud, Transnistria e, naturalmente, Cina.

Srikanth Kondapalli, professore di studi sulla Cina presso la Jawaharlal Nehru University, ha elaborato il concetto chiave di “multipolarità asiatica” – le tante Asia all’interno dell’Asia, qualcosa che sconcerta totalmente le semplicistiche categorizzazioni occidentali. Dopo la sessione abbiamo avuto un eccellente scambio di opinioni al riguardo.

Tuttavia, niente al forum è paragonabile al fatto di passare da una sala all’altra, di dare un’occhiata alle discussioni approfondite e poi di girare per i padiglioni in totale modalità di networking. Mi hanno avvicinato tutti, dal Sudan all’Ecuador, dalla Nuova Guinea a un gruppo di brasiliani, dagli indonesiani a un funzionario del Partito Comunista degli Stati Uniti.

E poi c’è il premio speciale: gli stand delle varie repubbliche russe. È qui che si ha la possibilità di immergersi in un rituale del tè dello Yamal, di ricevere informazioni di prima mano sulla Regione autonoma di Nenets o di discutere la procedura per imbarcarsi in un rompighiaccio nucleare sulla Northern Sea Route – ovvero Via della seta artica: il canale di connettività del futuro. Ancora una volta: la Russia multipolare in azione.

Ora confrontate questo incontro pacifico e pan-globale, incentrato su tutte le forme di programmi comunitari sostenibili, intriso di speranze e sogni, con il lancio da parte della NATO di un’esercitazione guerrafondaia di massa della durata di due settimane, denominata “Nordic Response 2024”, condotta da Finlandia, Norvegia e dalla nuova arrivata Svezia a meno di 500 km dai confini russi.

di Pepe Escobar 

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

Fonte: L’AntiDiplomatico

In copertina Il Festival Mondiale della Gioventù, nel territorio federale di Sirius (Sochi, Russia meridionale) dal 1° al 7 marzo, è un una realizzazione mozzafiato: una sorta di Operazione Culturale Speciale (SCO) che comprende i giovani del Sud Globale.

https://www.matrixedizioni.it/prodotto/perche-il-conflitto-e-nato_/

Sostieni la libera informazione

Non ho editori per non subire censure.
Non ho sponsor per non subire pressioni.
Ma dietro questo Blog c'è un enorme e rischioso lavoro quotidiano.
Se lo ritieni opportuno sostienilo con una donazione.

dona ora
No Comments

Post A Comment