I migliori articoli selezionati per voi: La CIA in Ucraina: il punto di vista di un ex agente CIA

di John Kiriakou – ScheerPost

Il 25 febbraio il New York Times ha pubblicato un articolo esplosivo che si presume sia la storia della CIA in Ucraina dal golpe di Maidan del 2014 fino ad oggi. L’articolo, intitolato “La guerra delle spie: come la CIA aiuta segretamente l’Ucraina a combattere Putin”, descrive un inizio di diffidenza bilaterale, ma una paura e un odio reciproci nei confronti della Russia, che progrediscono fino a una relazione così intima che l’Ucraina è ora uno dei partner di intelligence più stretti della CIA nel mondo.

Nel contempo, la pubblicazione dell’articolo da parte del Times, basata secondo i reporter su oltre 200 interviste in Ucraina, negli Stati Uniti e “in diversi paesi europei”, solleva diverse domande: perché la CIA non ha obiettato alla pubblicazione dell’articolo, specialmente essendo uno dei canali preferiti dell’Agenzia? Quando la CIA si rivolge a un giornale per lamentarsi delle informazioni classificate contenute, l’articolo viene quasi sempre cancellato o severamente modificato. Dopotutto, i direttori dei giornali sono patrioti. Giusto?

L’articolo è stato pubblicato perché la CIA voleva che la notizia fosse divulgata? Forse più importante era lo scopo dell’articolo di influenzare le delibere di bilancio del Congresso sull’aiuto all’Ucraina? Dopotutto, l’articolo voleva davvero solo vantarsi di quanto sia grande la CIA? O era per avvertire i responsabili dell’appropriazione del Congresso: “Guardate quanto abbiamo realizzato per affrontare l’orso russo. Non vorreste davvero sprecare tutto questo, vero?”

L’articolo del Times ha tutte le caratteristiche di un’analisi approfondita di un argomento sensibile, forse classificato. Approfondisce una delle sacre relazioni di collegamento dell’intelligence, qualcosa che nessun agente dell’intelligence dovrebbe mai discutere. Ma alla fine, non è così sensibile. Non ci dice nulla che ogni statunitense non abbia già supposto. Forse non ce l’avevano ancora detto in modo così esplicito, ma tutti credevamo che la CIA stesse aiutando l’Ucraina a combattere i russi. Avevamo già visto report che la CIA aveva “boots on the ground” in Ucraina e che il governo degli Stati Uniti stava addestrando forze speciali ucraine e piloti ucraini, quindi non c’è nulla di nuovo.

L’articolo va un po’ più nel dettaglio, anche se, ancora una volta, senza fornire nulla che possa mettere in pericolo fonti e metodi. Ad esempio, ci dice che:

– C’è un posto di ascolto della CIA nella foresta lungo il confine russo, una delle 12 basi “segrete” che gli Stati Uniti mantengono in Ucraina. Uno o più di questi post hanno contribuito a dimostrare il coinvolgimento della Russia nell’abbattimento del volo 17 della Malaysia Airlines nel 2014. È fantastico. Ma la rivelazione non svela segreti e non ci dice nulla di nuovo.

– Funzionari dell’intelligence ucraina hanno aiutato gli USA a “inseguire” gli agenti russi “che si sono intromessi nelle elezioni presidenziali nordamericane del 2016”. Ho una notizia flash per il New York Times: il rapporto Mueller ha rilevato che non vi è stata alcuna significativa ingerenza russa nelle elezioni del 2016. E cosa significa “inseguire”?

–  A partire dal 2016, la CIA ha addestrato un “commando d’élite ucraino noto come Unità 2245, che ha catturato droni e apparecchiature di comunicazione russi in modo che i tecnici della CIA potessero decodificarli e violare i sistemi di crittografia di Mosca”. Questo è esattamente ciò che dovrebbe fare la CIA. Onestamente, se la CIA non avesse fatto questo, avrei suggerito un’azione legale collettiva affinché il popolo statunitense potesse riavere indietro i soldi delle tasse. Inoltre, la CIA fa cose del genere da decenni. Negli anni ’70 la CIA riuscì ad ottenere importanti componenti delle armi tattiche sovietiche dalla Romania apparentemente filo-sovietica.

– L’Ucraina si è trasformata in un centro di raccolta di informazioni che ha intercettato più comunicazioni russe di quelle che la stazione della CIA a Kiev poteva inizialmente gestire. Ancora una volta, non mi aspetterei niente di meno. Dopotutto, è lì che c’è la guerra. Quindi, ovviamente, le comunicazioni verranno intercettate in Ucraina. Per quanto riguarda il sovraccarico della stazione della CIA, il Times non ci dice mai se ciò è dovuto al fatto che all’epoca la stazione era un’operazione individuale o se aveva migliaia di dipendenti ed era ancora sopraffatta. È tutta una questione di scala.

–  E per non pensare che la CIA e il governo degli Stati Uniti fossero all’offensiva in Ucraina, l’articolo chiarisce che “Mr. Putin e i suoi consiglieri hanno interpretato male una dinamica critica. La CIA non è entrata in Ucraina. I funzionari statunitensi erano spesso riluttanti a impegnarsi pienamente, temendo che non ci si potesse fidare dei funzionari ucraini e temendo di provocare il Cremlino”.

È a questo punto dell’articolo che il Times rivela ciò che credo essere la pista nascosta: “Ora queste reti di intelligence sono più importanti che mai, poiché la Russia è in offensiva e l’Ucraina dipende sempre più dal sabotaggio e dagli attacchi con missili a lungo raggio che richiedono spie molto oltre le linee nemiche. E sono sempre più a rischio: “Se i repubblicani al Congresso interrompono il finanziamento militare a Kiev, la CIA potrebbe dover ridimensionare.”

Questa è la differenza tra un articolo nei media mainstream che pretende di essere una svolta nel reportage sulla sicurezza nazionale e una rivelazione da parte di un informatore della sicurezza nazionale. Nel primo caso, c’è la cooperazione da parte di agenti di intelligence in servizio e, talvolta, decisori politici, tutti anonimi. Apparentemente non c’è alcuno sforzo da parte della comunità di intelligence per eliminare l’articolo o attenuarne l’impatto. (Dopotutto, li fa apparire bene). Non vengono rivelati veri segreti. E c’è una lezione di politica alla fine della storia: Finanziate più guerra o i cattivi vinceranno. Fidati di noi. Se sapessi ciò che sappiamo…

Nei casi in cui le rivelazioni non sono autorizzate, il direttore della CIA chiamerà direttamente il direttore del giornale per protestare che la pubblicazione metterà a rischio vite statunitensi o operazioni in corso e causerà gravi danni alla sicurezza nazionale, che sia vero o no. Se c’è opposizione da parte del direttore del giornale, allora può aspettarsi una chiamata dal consigliere per la sicurezza nazionale. È tutto molto ufficiale e minaccioso, che è esattamente il punto.

Una delle ragioni per cui credo che l’articolo del Times sia stato “autorizzato” dalla comunità dei servizi segreti è ciò che non vi è scritto.. Non c’è menzione, ad esempio, del fatto che le Nazioni Unite hanno definito l’Ucraina uno dei paesi più corrotti al mondo, dove i soldi sembrano semplicemente scomparire in conti esteri e nelle tasche dei funzionari governativi ucraini. Non c’è menzione del fatto che l’Ucraina è diventata un “supermercato” per armi di contrabbando e che le armi occidentali destinate allo sforzo bellico sono sparse in tutto il mondo. E non c’è menzione affatto del fatto che siano stati la CIA e il Dipartimento di Stato ad essere stati responsabili del golpe del 2014 al governo ucraino, un’azione che ha portato alla decisione della Russia di invadere otto anni dopo.

Conosco bene la CIA. Per 15 anni sono stato occupato sia nell’analisi che nelle operazioni antiterrorismo. Conosco il modo in cui i leader della CIA pensano, come spingono il limite legale ed etico finché qualcuno in posizione di autorità non dice “stop!” Ho partecipato a riunioni in cui sono state prese decisioni come quelle nell’articolo del New York Times. Ho partecipato a sessioni di strategia in cui gli ufficiali della CIA hanno lavorato per manipolare la politica e le politiche.

La morale della storia è piuttosto semplice. Non credetegli. Non credete né alla CIA né al New York Times. Raramente queste questioni internazionali così importanti sono così semplici e facilmente divise tra buoni e cattivi. La vita dovrebbe essere così facile. Anni fa, quando i miei figli maggiori erano piccoli, li portai al Madison Square Garden a vedere uno spettacolo di “wrestling professionale” della WWE.  Dopo mezz’ora di spettacolo, chiesi al mio figlio di allora nove anni: “Allora, sono confuso.  Chi è il buono e chi è il cattivo?”. Lui rispose: “È proprio così, papà.  Non c’è nessun buono”.  È esattamente quello che stiamo vedendo in Ucraina.  Non lasciate che il New York Times vi convinca del contrario.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

——————-

John Kiriakou è un ex agente dell’antiterrorismo della CIA ed ex investigatore senior della Commissione per le relazioni estere del Senato. John è diventato il sesto informatore incriminato dall’amministrazione Obama in base all’Espionage Act, una legge concepita per punire le spie. Ha scontato 23 mesi di carcere a causa dei suoi tentativi di opporsi al programma di tortura dell’amministrazione Bush.

Fonte: l’AntiDiplomatico

 

Il Cartello Finanziario (Pacchetto: Parte Prima + Parte Seconda)

Sostieni la libera informazione

Non ho editori per non subire censure.
Non ho sponsor per non subire pressioni.
Ma dietro questo Blog c'è un enorme e rischioso lavoro quotidiano.
Se lo ritieni opportuno sostienilo con una donazione.

dona ora
No Comments

Post A Comment