I pozzi petroliferi del Libano nel mirino di Israele: l’obiettivo è controllare i giacimenti di gas

Da quando è iniziato il conflitto in UcrainaIsraele ha deciso di diventare il nuovo baluardo energetico in Medio Oriente. Addirittura abbiamo visto il premier israeliano che alcuni anni fa andò addirittura in Germania ad annunciare che Israele avrebbe sostituito il gas russo per il 10% delle forniture all’Europa.

Per raggiungere un obiettivo così ambizioso, voluto anche dagli Stati Uniti d’AmericaIsraele ha bisogno principalmente di fare tre cose. La prima è mettere le mani sui giacimenti di gas naturale trovati a largo della striscia di Gaza. Due, ha bisogno di riprendersi i giacimenti che ha dovuto cedere al Libano in base agli accordi sui confini marittimi che sono stati siglati nel 2021, accordi sui quali Netanyahu non era assolutamente d’accordo anzi aveva detto che con lui al potere avrebbe rivisto assolutamente quei confini e poi avrebbe avuto bisogno di debellare Hamas perché Hamas stesso aveva la forza dalla striscia di Gaza di colpire i giacimenti petroliferi israeliani tant’è vero che l’Iron Dome, il complesso antimissili, serviva proprio per evitare che Hamas potesse bombardare i giacimenti petroliferi.

Bene, tutte queste cose Israele le sta realizzando soltanto grazie agli attacchi del sette ottobre da parte di Hamas, grazie alle conseguenze. L’ultimo punto che sta per realizzare dopo aver debellato Hamas dopo aver messo le mani sulla striscia di Gaza è quello di riprendersi i pozzi petroliferi del Libano, quindi quello di creare un nuovo casus belli in modo da chiamare nel conflitto anche il Libano e provare a vincere la battaglia che poi rivedrebbe ovviamente la messa in discussione dei confini marittimi.

Perciò l’attacco che abbiamo visto contro il numero due di Hamas condotto sul territorio del Libano si inserisce proprio in questa dinamica, ossia provocare il Libano, trascinarlo nel conflitto per ottenere quell’ultimo punto dell’agenda che manca ad Israele per mettere le mani sui principali giacimenti di gas della regione.

Francesco Amodeo

 

Il Cartello Finanziario (Pacchetto: Parte Prima + Parte Seconda)

Sostieni la libera informazione

Non ho editori per non subire censure.
Non ho sponsor per non subire pressioni.
Ma dietro questo Blog c'è un enorme e rischioso lavoro quotidiano.
Se lo ritieni opportuno sostienilo con una donazione.

dona ora
No Comments

Post A Comment