Il 2 novembre a Napoli si svolgeranno i funerali dell’economia campana. L’iniziativa di protesta già diventata virale sui social.

Ascoltalo per Radio

Tutto pronto per la singolare manifestazione che si svolgerà a Napoli il 2 Novembre:

I funerali dell’economia campana.

Migliaia i necrologi che verranno affissi sulle vetrine dei negozi, dei ristoranti e delle attività commerciali che sono sul punto di morire a causa delle misure anti economiche imposte dai Dpcm nazionali e dalle direttive del governatore De Luca.

Sugli annunci funebri campeggia la scritta:

È morto il diritto al lavoro.

È morto il diritto alla scuola.

E’ morto il diritto alla salute.

È morta l’economia campana.

Ne danno il triste annuncio, commercianti, artigiani, imprenditori, mamme…

Sono già previste migliaia di persone per la marcia funebre che si svolgerà nel rispetto delle regole anti contagio.

Le esequie muoveranno dallo storico lungomare fin sotto la sede della Regione Campania, dove i partecipanti potranno dare l’ultimo saluto ai propri diritti ormai estinti e alla cara ed indimenticabile sicurezza economica.

I necrologi con i nomi di tutte le attività scomparse verranno consegnate al presidente della Regione a cui sarà richiesto di dare l’estrema unzione.

A quel punto dalla protesta fortemente simbolica si passerà alla proposta.

Uno speaker corner verrà attrezzato, per dare ai rappresentanti delle varie categorie coinvolte, la possibilità di proporre soluzioni specifiche. Obiettivo dei partecipanti è fare pressione sul governo affinché vengano messe in sicurezza le categorie considerate a rischio, liberando tutte le attività economiche da quei vincoli che ne stanno causando la morte.

La richiesta parte dall’analisi tecnica dei dati sulla mortalità per Covid, aggiornati al 22 Ottobre nel documento pubblicato dall’Istituto Superiore della Sanità, intitolato “Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi all’infezione da SARS-CoV-2 in Italia”, che fotografa una situazione che non può giustificare il blocco di tutte le attività e di tutte le fasce della popolazione, indistintamente.

Si evince infatti che:

  • Sul totale di 36.806 morti l’età media è di 80 anni.
  • Tra gli over 70 i deceduti sono stati quasi 32.000 su 36.800.
  • Rispetto ai dati disponibili al 7 Settembre, è sempre negli over 70 che si è avuto un incremento di 1.062 decessi su un totale incremento di 1.153.
  • Considerando poi, che i deceduti della fascia che va dai 60 ai 69 anni sono stati 3.686, ci rendiamo conto che sommati alla fascia degli over 70, raggiungiamo oltre il 95% dei decessi totali.

Come si può pensare, sulla base di questi numeri, che un lockdown possa includere tutti o che si possa bloccare l’intera economia.

I manifestanti andranno quindi a proporre tutta una serie di misure per mettere in sicurezza le fasce a rischio. Per evitare che le misure restrittive coinvolgano tutti indistintamente. E soprattutto che le misure di prevenzione da un virus letale per pochissimi, si trasformino in un economicidio per tutti.

                                                    

Questa è solo una delle richieste specifiche che si andranno a proporre..

La manifestazione “il funerale dell’economia” verrà replicata in tutta Italia federando le piazze.

Chi volesse aderire in Campania può scrivere a noi@francescoamodeo.it