Le mani di BlackRock sulla ricostruzione Ucraina: Zelensky ha svenduto il paese alla finanza

Approfondendo la questione delle mani di BlackRock, il colosso finanziario, il vero demone della finanza internazionale.

Le mani di BlackRock. sono sulla ricostruzione dell’Ucraina, perché Zelensky ha avuto diversi incontri con Larry Fink, l’amministratore delegato, e hanno preso degli accordi per una svendita totale completa dell’Ucraina di tutto quello che di pubblico rimaneva nel paese, nelle mani della finanza internazionale, della finanza statunitense.

E qualcosa che a noi ci riguarda molto da vicino. Perché avrete sentito anche voi le ultime dichiarazioni della Meloni dove in qualche modo giustifica l’ingente somma di denaro che noi stiamo spendendo per inviare costosissime armi all’Ucraina in un periodo di grossa crisi degli italiani, in un periodo in cui sono stati costretti a ripristinare le accise sulla benzina, andando quindi a toccare tantissimo anche i lavoratori, chi si reca al lavoro con le automobili. Bene, hanno giustificato questo investimento in Ucraina dicendoci tornerà tutto indietro con gli interessi perché parteciperemo personalmente alla ricostruzione del Paese. Ma dato che BlackRock ha messo le mani sulla ricostruzione del paese, io voglio davvero andare fino in fondo e capire quanta fetta di torta di quella torta enorme nelle mani di Black Rock e delle iene della finanza internazionale venga lasciato veramente alle aziende italiane.

E soprattutto, se davvero stiamo spendendo dieci in Ucraina per ricevere 30 o anche questo è un grande bluff, perché BlackRock non permetterà di mettere le mani, perché come al solito la torta se la spartiscono in casa loro. Quindi questo è un tema che voglio approfondire nel blog durante la settimana, perché voglio andare a leggere anche quelli che sono stati gli incontri che ci sono già stati tra Zelensky e Fink e anche gli incontri che ci sono già stati tra i vertici dell’Ucraina e i vertici della finanza internazionale. C’è stato per esempio Ucranian Recovery Conference proprio per discutere la spartizione della ricostruzione dell’Ucraina.

Sostieni la libera informazione

Non ho editori per non subire censure.
Non ho sponsor per non subire pressioni.
Ma dietro questo Blog c'è un enorme e rischioso lavoro quotidiano.
Se lo ritieni opportuno sostienilo con una donazione.

dona ora
2 Comments
  • Orietta De Amicis
    Posted at 22:24h, 04 Febbraio Rispondi

    Tutto molto interessante! Finalmente vale la pena leggere.

    • Francesco Amodeo
      Posted at 12:12h, 05 Febbraio Rispondi

      Grazie mille Orietta

Post A Comment