Lo spietato Cartello finanziario internazionale ha messo le mani sulla gestione del post pandemia: Ecco le prove.

Proviamo a dimostrare, prove alla mano, come il Cartello finanziario internazionale abbia messo le mani sulla gestione del post pandemia.

Analizziamo le liste di una delle più importanti, censurate e controverse organizzazioni ufficiali dei membri della finanza internazionale: il Club Bilderberg.

Nel Committee (comitato organizzativo) di questo gruppo antidemocratico di oligarchi abbiamo due italiani:

Mario Monti e John Elkann.

 

Andiamo a vedere che ruoli ricopriranno proprio loro nel post pandemia.

Mario Monti sarà il capo della commissione per le politiche sanitarie europee dell’organizzazione mondiale della sanità in pratica gestirà l’allocazione dei fondi.

John Elkann, invece, ha avuto l’incarico con la sua Fca di produrre 27 milioni di mascherine al giorno.

Ma andiamo avanti nella lista degli invitati alle ultime  riunioni del gruppo troviamo altri due italiani uno è Vittorio Colao l’altra è Mariana Mazzucato.

Vittorio Colao diventerà il leader della Task Force governativa anti covid mentre la Mazzucato sarà un membro di quella commissione stessa.

Il cartello finanziario internazionale ha le mani sulla gestione del post pandemia contro gli interessi degli italiani, contro la democrazia che loro aborrano, contro i principi sanciti da quella costituzione che loro scrivono apertamente che andrebbe stracciata.

A questo punto mi viene in mente anche una foto scattata all’incontro annuale definito “Grand Challenge 2018” dove insieme sul palco salirono Bill Gates, che ora svilupperà il vaccino anti covid; il presidente dell’OMS, che ha dato il via alla dichiarazione di pandemia, dettando poi l’agenda sanitaria agli stati; il Primo Ministro norvegese che era al Bilderberg, proprio insieme a Mario Monti e la Merkel, che ora ci dirà quali fondi potremo utilizzare, con che modalità e soprattutto dopo quale ulteriore cessione di sovranità.

Non c’è dubbio che per tutti i personaggi elencati, provenienti tra l’altro dalle medesime organizzazioni, la vera Grand Challenge del 2020 è stata proprio la gestione della pandemia.

Francesco Amodeo

 

31 Coincidenze sul Coronavirus e sulla nuova Guerra Fredda Usa/Cina