Monthly Review e Xi Jinping

Monthly Review, la principale rivista teorica della sinistra statunitense, ha pubblicato nel novembre del 2023 un interessante articolo, che lotta con molta chiarezza contro le teorie in campo politico che rifiutano il valore e la consistenza tra le varie civiltà del pianeta per legittimare, invece, le rivoluzioni colorate e gli interventi militari all’estero dell’imperialismo americano contro le soggettività e le forze politiche che si battono per la costruzione di un mondo multipolare e cooperativo.

 

La scorsa primavera la Cina ha presentato la sua Iniziativa di civilizzazione globale, finalizzata ad accompagnare la sua precedente Iniziativa di sviluppo globale e l’iniziativa di sicurezza globale.

“L’Iniziativa di civiltà globale è stata presentata da Xi Jinping all’incontro ad alto livello del Partito Comunista Cinese in dialogo con i partiti politici mondiali tenutosi a Pechino il 15 marzo 2023. Nel suo discorso, Xi ha articolato quattro principi cardinali alla base dell’Iniziativa di civiltà globale:

(1) Sosteniamo il rispetto per la diversità delle civiltà. I paesi devono sostenere i principi di uguaglianza, apprendimento reciproco, dialogo e inclusività tra le civiltà, e lasciare che gli scambi culturali trascendano l’alienazione, l’apprendimento reciproco trascenda gli scontri e la convivenza trascenda i sentimenti di superiorità.

(2) Sosteniamo i valori comuni dell’umanità. Pace, sviluppo, equità, giustizia, democrazia e libertà sono le aspirazioni comuni di tutti i popoli. I paesi devono mantenere una mente aperta nell’apprezzare la percezione dei valori da parte delle diverse civiltà e astenersi dall’imporre i propri valori o modelli agli altri e dall’alimentare il confronto ideologico.

(3) Sosteniamo l’importanza dell’eredità e dell’innovazione delle civiltà. I paesi devono sfruttare appieno la rilevanza delle loro storie e culture nei tempi attuali e spingere per la trasformazione creativa e lo sviluppo innovativo delle loro belle culture tradizionali.

(4) Sosteniamo solidi scambi e cooperazione internazionale tra i popoli. I paesi devono esplorare la costruzione di una rete globale per il dialogo e la cooperazione tra civiltà, arricchire i contenuti degli scambi ed espandere le vie di cooperazione per promuovere la comprensione reciproca e l’amicizia tra le persone di tutti i paesi e far avanzare congiuntamente il progresso delle civiltà umane. (“Testo completo del discorso programmatico di Xi Jinping alla riunione di alto livello del PCC nel dialogo con i partiti politici mondiali”, 16 marzo 2023, english.scio.gov.cn)

Si potrebbe pensare che una tale dichiarazione, che enfatizza la diversità delle civiltà, i principi di uguaglianza, il reciproco scambio culturale e la coesistenza pacifica, avrebbe ricevuto il plauso universale di tutti i paesi. Invece, la risposta nei principali organi di politica estera e mediatici degli Stati Uniti e dell’Europa è stata di indignazione, seguita da attacchi violenti. Il Wall Street Journal ha visto l’iniziativa cinese Global Civilization nientemeno che come un attacco diretto all’Occidente nella sua dichiarazione secondo cui “i paesi senza nome ‘si astengono dall’imporre i propri valori o modelli agli altri.'” Tutta questa nozione, è stata detta ai lettori, come se i fatti storici erano in discussione – “si basa sull’interpretazione di lunga data del Partito Comunista [Cinese] della storia moderna come un periodo in cui le nazioni occidentali predatrici, approfittando della debolezza della Cina alla fine del XIX secolo, sfruttarono il paese per fini egoistici e lo mantennero Indietro.” Per la rivista The Economist , la “triade di iniziative globali” di Xi, inclusa la Global Civilization Initiative, “approfondirà le divisioni nel mondo”. Il vero significato di quest’ultima iniziativa, con il suo principio di “uguaglianza di civiltà”, obietta The Economist , è che “l’Occidente dovrebbe imparare a convivere con il comunismo cinese. Esso [il comunismo] può essere basato sul marxismo, una teoria occidentale, ma è anche il frutto dell’antica cultura cinese” (Jonathan Cheng, “La Cina sta iniziando ad agire come una potenza globale”, Wall Street Journal, 22 marzo 2023 ; “L’ultimo tentativo della Cina di mobilitare il mondo contro i valori occidentali”, The Economist , 27 aprile 2023).

Se i principali organi dell’ideologia economica capitalista come il Wall Street Journal e l’Economist si opposero fermamente all’appello cinese alla coesistenza tra civiltà, i principali organi della grande strategia imperiale degli Stati Uniti erano ugualmente infuriati. Foreign Policy ha adottato una posizione simile a quella dell’Economist , insistendo sul fatto che il marxismo è una teoria occidentale, non cinese, e antagonista alla cultura tradizionale cinese come il daoismo. Ciò apparentemente priva la Repubblica popolare cinese (RPC) del legittimo diritto di presentarsi come rappresentante della civiltà cinese. Il diplomatico ha rimproverato la Cina per aver tentato di minare l’“ordine basato sulle regole” dominato dagli Stati Uniti promuovendo un “relativismo dei valori”. Il PRC, siamo debitamente informati, non opera nella tradizione di Confucio, ma piuttosto in quella di “Thomas Hobbes” del bellum omnium contra omnes . Per la Cina anche solo parlare di “civilizzazione”, ha spiegato The Diplomat, era sbagliato, poiché portava con sé l’ombra del colonialismo occidentale in America Latina e altrove all’inizio dell’era moderna, che era stato promosso nel nome stesso della civiltà . Quel che è peggio, la Global Civilization Initiative della Cina mira a “privare la voce degli Stati Uniti”, impedendo loro di effettuare interventi militari mirati al cambio di regime negli stati “autoritari” che violano il loro ordine basato su regole internazionali. La Cina, allo stesso tempo, è lasciata libera di continuare a promuovere “la sua influenza sovversiva negli affari interni dei paesi di tutto il mondo” (James Palmer, “Perché Xi sta rebranding la storia culturale cinese”, Foreign Policy, 19 aprile 2023 ; R. Evan Ellis, “I problemi con l’iniziativa di civiltà globale della Cina”, The Diplomat , 1 giugno 2023).

L’Economist è stato particolarmente allarmato dalla caratterizzazione della Cina come “stato civilizzato” avanzata dall’influente storico politico e culturale cinese Zhang Weiwei. L’idea dello stato di civiltà è vista come alla base della Global Civilization Initiative. Oltre ad essere una voce di spicco nel sottolineare il riemergere della civiltà cinese sulla scena mondiale, Zhang ha sfidato direttamente la concezione egemonica statunitense di democrazia formale basata sul mercato. Per Zhang, la Cina, pur mancando di democrazia formale in termini occidentali, ha avuto un relativo successo nel promuovere la “democrazia sostanziale”. Un qualche tipo di democrazia formale , anche se non necessariamente seguendo l’attuale modello occidentale, è necessaria, insiste, ma la chiave nella lotta per la democrazia è creare una democrazia sostanziale . “In molti paesi occidentali”, scrive, “la democrazia è diventata da tempo una sorta di ‘gioco’, in cui democrazia significa campagna elettorale, campagna elettorale significa marketing politico, e marketing politico significa denaro, risorse, pubbliche relazioni, strategia. , immagine e recitazione. I politici in un sistema del genere non sono tenuti a mantenere le promesse; tutto ciò che conta è che [le promesse] aiutino a vincere le elezioni”. Democrazia sostanziale, nei termini di Zhang, significa “buon governo”, basato sia sulla selezione meritocratica che sull’elezione, in modo da generare un sistema politico che attinga all’intera gamma di capacità della popolazione più ampia concentrandosi nel contempo sulla soddisfazione dei loro reali bisogni di sviluppo, in in linea con “l’opinione popolare” e il “cuore del popolo”. (La questione della “democrazia sostanziale”, va notato, è stata a lungo enfatizzata nella “critica dello Stato” di István Mészáros, come esemplificato nel suo Beyond Leviathan ) .

L’Economist , però, non ne vuole sapere e accusa Zhang di contribuire “all’ultimo tentativo della Cina di mobilitare il mondo contro i valori occidentali”. Tuttavia, è difficile comprendere come le nozioni di democrazia sostanziale, uguaglianza, libertà, diversità di civiltà, coesistenza pacifica, amicizia tra tutti i popoli e non intervento negli affari di altri paesi costituiscano un attacco intrinseco ai “valori occidentali” (come espressi, per esempio, in “Sulla pace perpetua” di Immanuel Kant – a meno che tali “valori” non siano equiparati semplicemente al capitalismo monopolistico e all’imperialismo ( Economist , “L’ultimo tentativo della Cina”; Zhang Weiwei, “ On Telling China’s Story ”, Reading the China Dream [ traduzione dell’articolo del Peking Daily , 21 giugno 2021], readingthechinadream.com; Zhang Weiwei, The China Horizon [Hackensack, New Jersey: World Century, 2016], 103, 138, 145; István Mészáros, “ The Critique of the State “, Monthly Review 67, n. 4 [settembre 2015]: 23–27; István Mészáros, Beyond Leviathan [New York: Monthly Review Press, 2022], 386–91).”[1]

Fonte:L’antidiplomatico

Sostieni la libera informazione

Non ho editori per non subire censure.
Non ho sponsor per non subire pressioni.
Ma dietro questo Blog c'è un enorme e rischioso lavoro quotidiano.
Se lo ritieni opportuno sostienilo con una donazione.

dona ora
No Comments

Post A Comment