Pillole di Morpheus: Maradona attaccato dagli Usa, fu lui a guidare il treno dei leader rivoluzionari del Sudamerica

La genesi di Diego Armando Maradona come leader e personaggio politico a livello mondiale, a difesa dell’indipendenza dell’Argentina e del Sudamerica tutto, parte da un colloquio con Fidel Castro che gli dice: “Non ti permetteranno più dopo i rapporti con me, di avere una tua carriera brillante nel calcio e di poter nello stesso tempo portare avanti la rivoluzione cubana”. Poi Ugo Chavez e Fidel Castro decidono di portare avanti una alleanza antimperialista e antiamericana. Il nome che gli danno è Alba. Alba, acronimo di “Alleanza Bolivariana per le Americhe“, perché Simon Bolivar era il liberatore del Sud America, quello che aspirava alla patria grande del Sud America. Quindi decidono di portare avanti questo progetto facendo in modo che Maradona potesse essere il portavoce in Occidente.

Fidel Castro prima convoca Chavez, poi convoca Maradona, che ovviamente ce l’ha a morte con gli americani, perché si rende conto che gli hanno rovinato la vita, l’hanno squalificato e l’hanno incastrato per quelle che erano le sue idee politiche. Maradona diventa realmente il trade union di tutti i leader sudamericani fino ad arrivare addirittura a fare delle cose eclatanti. Parliamo della prima vittoria dei popoli contro il neoliberismo. Sembra assurdo dirlo, ma è stata guidata da Maradona.

A un certo punto Bush riunisce i capi della Osa, gli stati americani a Mar del Plata, in Argentina, dovevano firmare un trattato di libero scambio che avrebbe preteso l’argentina una colonia americana. Successivamente Chavez e Fidel decidono di organizzare un treno. Proprio lui, Maradona, è il macchinista del treno. Lo chiamano il treno dell’Alba con partenza da Buenos Aires. Quattordici ore di treno con Maradona a fianco del macchinista a bordo, con 160 leader rivoluzionari sudamericani, i capi di tutti i gruppi rivoluzionari antimperialisti. Lo invitano a parlare. E Maradona dice “L’Argentina tiene dignità, adesso andiamo a cacciare Bush”. Consacrandolo da quel momento come leader politico.

Non ho editori per non subire censure. Non ho sponsor sul sito per non subire pressioni (e per non disturbare la lettura degli articoli). Ma dietro questo Blog c’è un enorme lavoro quotidiano. Se lo ritieni opportuno sostienilo con una piccola donazione CLICCANDO QUI:

Oppure tramite PostePay:

  • Accredito PostePay, intestato a Francesco Amodeo
  • Codice fiscale: MDAFNC77H11F839J
  • Carta numero: 5333 1710 6255 1276

Oppure tramite Bonifico bancario:

  • Intestato a Francesco Amodeo
  • IBAN: IT68S 034750 1605CC 0011845687

Oppure acquistando una delle mie inchieste disponibili sul sito: www.matrixedizioni.it

Grazie per il sostegno

Francesco Amodeo

Il DIegO Rivoluzionario

Sostieni la libera informazione

Non ho editori per non subire censure.
Non ho sponsor per non subire pressioni.
Ma dietro questo Blog c'è un enorme e rischioso lavoro quotidiano.
Se lo ritieni opportuno sostienilo con una donazione.

dona ora
No Comments

Post A Comment