Pillole di Morpheus: Svelato il piano della Camera di Commercio degli Stati Uniti contro i lavoratori e la democrazia

Per combattere un potere lo dobbiamo conoscere. Altrimenti ognuno crea il proprio gruppetto, ognuno la propria bandiera, ognuno la propria battaglia non sapendo che esiste un nemico comune a tutti. Negli anni 70 è successo qualcosa di molto importante in America. Soprattutto in America. La democrazia stava prendendo troppo piede per alcune Elitè. Erano gli anni delle rivolte dei lavoratori, delle conquiste sociali, delle conquiste salariali, erano gli anni delle rivolte femministe, quindi dei diritti delle donne. Questo picco massimo di democrazia fece suonare un campanello d’allarme nei confronti di chi invece vede la democrazia come un nemico. Quindi parliamo delle grandi oligarchie, delle grandi elite, delle grandi multinazionali che vedono la democrazia come un nemico. Quindi, nel 1971 alla Camera di commercio americano, un tale di nome Louis Powell, un nome che nessuno conosce, crea un vero e proprio memorandum. È un memorandum molto sintetico di 30 pagine, dove c’è il più grande attacco sintetizzato contro i popoli e contro democrazia. Da quel momento in poi sarà la le linee…

Abbonati per sostenere la libera informazione di questo canale.

Non ho editori per non subire censure.
Non ho sponsor per non subire pressioni.
Non ho partiti alle spalle che mi impediscano di essere imparziale.

Ma dietro questo canale c’è un enorme lavoro quotidiano. Se lo ritieni utile. Sostienilo.
Potrai leggere almeno 1 articolo nuovo ogni giorno. Avere accesso all’archivio di articoli e video. Ricevere la newsletter con tutte le novità e gli approfondimenti.

2,90€ a settimana, 6,90€ al mese o 49,90€ all’anno. Meno di un caffè a settimana.

Non intendo limitare l’accesso alle informazioni, per questo nelle mie dirette tratterò per tutti i temi del Blog. Il sostegno che ti chiedo è indispensabile per tenere attivo questo canale e per produrre nuovi video inchiesta.

Accedi Iscriviti

Sostieni la libera informazione

Non ho editori per non subire censure.
Non ho sponsor per non subire pressioni.
Ma dietro questo Blog c'è un enorme e rischioso lavoro quotidiano.
Se lo ritieni opportuno sostienilo con una donazione.

dona ora
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.