Presidente Meloni inverta subito la rotta del paese sulla politica internazionale o andiamo a fondo. Ecco come e perché.

Presidente Meloni inverta subito la rotta del paese sulla politica internazionale. Smetta di seguire il solco già tracciato dal centro sinistra e dall’agenda Draghi o il paese andrà a fondo sotto il peso di autolesionistiche sanzioni.

L’Italia deve restare un paese neutrale. Un conto è inviare doverosi aiuti umanitari ad un paese in guerra ed un conto è inviare armi diventando co-beligeranti o applicare sanzioni che rischiano di radere al suolo il nostro tessuto economico, esplodendo tra le mani di famiglie e imprese italiane. Esca dalla dicotomia aggredito e aggressore che non può essere applicata al caso Ucraina. Dove c’è un terzo incomodo, la NATO a guida statutinitense che per anni ha lavorato per trasformare un potenziale aggredito in un aggressore, utilizzando un campo di battaglia esterno per una guerra per procura contro il proprio nemico storico. L’Italia non può e non deve entrare in queste dinamiche.

Tutti gli approfondimenti nell’inchiesta Perché il conflitto è NATO